I 53 siti Patrimonio dell’Umanità Unesco

dolomiti.JPG
Far parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco equivale al riconoscimento di essere il frutto di un genio creativo eccezionale, oppure un luogo naturale di rilevanza universale. E, come è abbastanza risaputo, l’Italia è il Paese che raccoglie il maggior numero di siti riconosciuti dall’Unesco, tra luoghi naturali e mete d’arte: sono 53, sparsi in tutte le regioni (con l’unica eccezione del Molise e della Valle d’Aosta), e creano una specie di Best of delle bellezze della penisola.

 

Le mete sono diversissime fra loro: si passa dalla basilica patriarcale di Aquileia in Friuli Venezia Giulia al paesaggio del Monferrato in Piemonte; dalle Dolomiti al Cenacolo di Leonardo a Milano; dalle residenze dei Rolli a Genova e le residenze sabaude a Torino ai monumenti paleocristiani di Ravenna e alla città operaia di Crespi d’Adda in Lombardia. Sono presenti gli intatti centri storici di Mantova e Sabbioneta, quelli di Roma, Firenze e Napoli, ma anche i trulli di Alberobello, i sassi di Matera e la Palermo arabo-normanna.
Visitarli tutti è possibile e dovrebbe essere obbligatorio inserirli nelle mete delle gite scolastiche, dei viaggi di nozze e delle gite di Pasquetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...