L’emozionante arte rupestre della Val Camonica

IMG_3860
IMG_3843
Non è un caso che l’Unesco abbia inserito l’area della Val Camonica nella lista del Patrimonio dell’Umanità (il primo luogo italiano a entrare nel gruppo, nel 1979), perché quello che oggi è possibile vedere della comunicazione visiva di un’epoca tanto lontana è non solo importante storicamente ma anche molto emozionante da visitare. Qui sono passati Etruschi, Celti e Romani, ma prima di tutti furono i Camuni a vivere l’area, lasciando traccia dei più di 10.000 anni di permanenza, dal Neolitico all’Età del Ferro, nelle migliaia di incisioni rupestri ancora oggi visibili.
IMG_3834
IMG_1115
Degli otto parchi archeologici, è a Capo di Ponte (BS) che si trovano le strutture più conosciute: il museo MUPRE, Museo della Preistoria della Val Camonica, ma soprattutto l’incantevole Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane. Qui, in un bosco di castagni, abeti e betulle, sono presenti 104 rocce incise, alcune piccole e altre gigantesche: sul grigio lucido dell’arenaria si alternano affascinanti raffigurazioni di guerrieri, animali, divinità, edifici e scene di vita quotidiana, incise – le più antiche – fino a 13.000 anni fa. Gli stili e le dimensioni variano, ma resta uguale lo stupore con cui il visitatore scopre, man mano, i disegni, perché fa battere il cuore rendersi conto che sono molto simili al modo contemporaneo di rappresentare gli stessi soggetti.
IMG_3835

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...