Tra le ceneri della città dei balocchi

IMG_4022

Era il sogno di un imprenditore negli anni del boom economico, aprire una vera città dei balocchi per grandi e piccini. Così nacque Consonno, in provincia di Lecco, creata da Mario Bagno negli anni Sessanta. In origine, sugli stessi terreni a due passi da Lecco, si trovava un borgo agricolo abitato da qualche decina di contadini: Bagno acquistò tutte le case e le fece demolire all’inseguimento del sogno di una Las Vegas brianzola. E proprio come nel modello americano, anche qui le costruzioni si ispirarono alle meraviglie del mondo, dall’estremo Oriente al Nord Africa, tra pagode ed edifici ispirati al Medio Evo.

IMG_4023

Il successo fu grande, i visitatori per anni riempirono le strade di Consonno di giorno e di notte fino a quando, nel 1976, una frana pose fine a tutto: l’invasione di cemento e l’eliminazione di gran parte della vegetazione avevano danneggiato il terreno in maniera permanente e non ci fu più futuro per la Mecca del divertimento.

IMG_4014

IMG_4033

IMG_4038.JPG

Oggi di quel luogo grandioso e un po’ assurdo, con vista sui denti del Resegone, restano il rudere della struttura principale, detta “il minareto”, e poco altro, ma i visitatori sono ancora affascinati: l’insieme suggestivo di silenzio e natura, la chiesetta (unico edificio superstite del borgo originario) insieme agli scheletri della città fantasma attirano tante persone sedotte dal sogno di un uomo un po’ matto che era pronto a far saltare in aria una montagna per far divertire gli italiani.

IMG_4025

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...